Latest News

ExibArt

Settembre 2021

ANTONELLA BOZZINI RENDE OMAGGIO ALLA CITTA’ DI MILANO CON UNA MOSTRA FOTOGRAFICA, IL CUI SGUARDO OSSERVA LA CITTA’ DI IERI IN DIALOGO CON QUELLA DI OGGI PREFIGURANDO QUELLA DI DOMANI.

LA MOSTRA E’ INSERITA ALL’INTERNO DEL CIRCUITO DEL SALONE DEL MOBILE E DEL MILANO PHOTOFESTIVAL PRESSO LO SPAZIO KRYPTOS.

In esposizione dal 4 al 20 settembre “Milano in prospettiva”, una selezione delle opere fotografiche di Antonella Bozzini che verranno proposte in una veste più ampia nel libro omonimo che accompagna la mostra.

Milano è una di quelle città che da sempre si muove verso il futuro senza tuttavia nascondere o dimenticare né il presente né il passato: per un verso continua ad amare le architetture volute da un’antica borghesia ricca (anche culturalmente) ma poco incline mettersi eccessivamente in mostra, dall’altra non disdegna di competere con le altre grandi metropoli europee con progetti audaci che ne caratterizzano lo spirito contemporaneo. Antonella Bozzini ha deciso di dar vita a un progetto ambizioso, quello di seguire da adesso al 2030 l’evoluzione dell’architettura del paesaggio urbano. Partendo dalla struttura a cerchi concentrici che la caratterizza Milano, la fotografa parte dagli scorci delle antiche Porte per proseguire in modo prospettico lungo gli assi principali che collegano il centro alla città allargata con immagini dove emerge l’attenzione per il verde pubblico e per il suo uso sociale inducendo a interrogarsi sul rapporto fra le differenti architetture e le diverse visioni storiche, sociali e culturali. Il suo è uno stile essenziale, pulito e rigoroso che si caratterizza per l’attenzione rivolta non solo agli edifici ma anche allo spazio che li contiene e che contemporaneamente ne è caratterizzato. Ne risulta un dialogo fra architetture ma anche fra visioni del mondo diverse ma non conflittuali perché inserite in un contesto che, per proiettarsi verso il futuro, deve fare i conti con la storia.

Antonella Bozzini (Milano, 1967) si diploma nel 1993 presso l’Istituto Europeo di Design - Dipartimento di Fotografia. L’anno prima vince il premio giornalistico “Giovani Artisti Italiani” del Comune di Milano e nel 1994, selezionata da Lanfranco Colombo, entra a far parte della sua collezione privata “Fotografi Italiani” custodita al GAMEC di Bergamo. Dal 1996, anno in cui entra nell’Ordine dei Giornalisti come fotogiornalista, viaggia in America, Africa, Europa ed Oriente, per documentare eventi sociopolitici. Nel 2012 inizia un nuovo percorso di ricerca fotografica come mezzo di esplorazione ed approfondimento delle differenti declinazioni dello spazio urbano architettonico nell’uso degli spazi comuni e nell’integrazione dei diversi contesti urbanistici, sociali, storici e culturali. Il percorso trova un primo importante esito nella mostra “Berlino: Linea nelle Linee - Oltre la superficie a tutti apparente” esposta nel 2019 alla Galleria Europa di Modena accompagnata dal libro omonimo MFD edizioni e nel 2020 alla Galleria HubArt di Milano nell’ambito di Photofestival. Dal 2018 fa parte dello Studio Bozzini Romeiro, creato per realizzare progetti fotografici legati all’Antropocene.

INFO MOSTRA
Autrice Antonella Bozzini
Titolo “Milano in prospettiva”
A cura di Roberto Mutti
Project manager Andréa Romeiro

logo-exibartservice-new.png

Sky Arte

15 Ottobre 2020

La nuova mostra fotografica di Antonella Bozzini è uno studio sulle interazione tra architettura, paesaggio e memoria nel contesto berlinese. Un progetto in corso fino al 7 gennaio presso gli spazi di HUB/ART di Milano.

 

Come cambia una città come Berlino intorno ai resti della storia passata? Come riesce a integrare le “cicatrici” del tempo, ambendo al futuro senza cancellare la propria memoria? Una risposta a queste domande arriva dalla nuova mostra di Antonella Bozzini LINEA nelle LINEE, recentemente inaugurata negli spazi di HUB/ART di Milano nell’ambito della 15esima edizione del Milano Photo Festival.

PRESENTE E PASSATO DI BERLINO

Curata da Andréa Romeiro – e visitabile fino al 7 gennaio 2021 –, la rassegna raccoglie un vasto corpo di fotografie di varie dimensioni, realizzate in occasione dell’anniversario dei trent’anni dalla caduta del Muro di Berlino. Ognuna delle immagini, infatti, si sofferma sulle trasformazioni del contesto urbano e architettonico ai margini della storica cortina, rendendo omaggio a palazzi e grattacieli simbolo della nostra modernità.

Seguendo un percorso ideale nel centro della città tedesca – da Hauptbahnhof a Postdamer Platz –, gli scatti dell’artista documentano le opere che hanno coinvolto grandi architetti contemporanei come Renzo Piano, Foster + Partners, Richter Musikowski, Rafael Moreno e molti altri. Progettisti del nostro tempo, capaci di dare vita a esperienze architettoniche rivoluzionarie per il paesaggio locale, nel rispetto del territorio e della storia passata.

[Immagine in apertura: Una veduta della mostra LINEA nelle LINEE di Antonella Bozzini presso HUB/ART, Milano]

Arte-logo_2x.png

15° Photofestival Milano

7 Ottobre 2020

15°Photofestival Milano

Una linea: una forma, una dimensione, un confine, una partenza, un perimetro. La mostra trae origine dall’anniversario dei trent’anni della caduta del Muro di Berlino e assume particolare senso metaforico chiamando in causa il tema della trasformazione dello spazio urbano e architettonico. Le immagini sono organizzate dal punto di vista del cambiamento del territorio urbano lungo un Confine: la “Linea” che una volta era individuata dal Muro. Bozzini si muove tra due punti geografici di Berlino e nel suo camminare immortala esperienze architettoniche che hanno disegnato e trasformato la città.

logo-mipf-def.jpg

Modena Galleria Europa
Mostra Fotografica

9 Novembre 2019

Mostra personale - Linea nelle Linee - svoltasi il 9 novembre 2019, presso la Galleria Europa - Modena, con il patrocinio del Comune de Modena, Centro Europe Direct - Politiche Europee e relazioni internazionali e ACTI di Modena. Progetto sulle nuove architetture dello spazio urbanistico - architettonico, lungo il confine della linea del Muro di Berlino a distanza dei trenta anni della caduta.

Pubblicazione del libro Linea nella Linee, Edizione limitate - M&FD Milano

COMUNE DI MODENA.png

Shakerate gli smartphone con la App Bargiornale Cocktail Pro

di Andrea Mongilardi

12 Luglio 2018

LINEA NELLE LINEE: UNA MOSTRA SULLA CADUTA DEL MURO DI BERLINO

9 Novembre 2019

Nel video l’intervista a:
– Antonella Bozzini, Autrice della mostra
– Andrea Romeiro, Curatrice del progetto
– Debora Ferrari, Assessora all’Europa

Sono trascorsi esattamente 30 anni da quel 9 novembre del 1989 che segnò per sempre la storia contemporanea europea e mondiale con la caduta del muro di Berlino. Simbolo per antonomasia della guerra fredda e della logica dei due blocchi, il muro – costruito nell’agosto del ’61 – fu la risposta del governo della Germania Est al problema della fuga di massa dei suoi cittadini verso Occidente, e per 28 interminabili anni, divise strade e affetti, fino a quel 9 novembre di 30 anni fa quando si pose fine alla dolorosa separazione con gli occhi di tutto il mondo puntati con emozione sulla città tedesca. Oggi Modena celebra l’anniversario di quell’evento con l’inaugurazione di una mostra dal titolo “Linea nelle linee” visitabile presso la Galleria Europa. La mostra rappresenta un racconto per immagini delle trasformazioni di Berlino e fa parte di un progetto che proseguirà con altre città europee come Milano e Parigi.

DA BERLINO ALL'ITALIA, L'ARTE CELEBRA I 30 ANNI DALLA CADUTA DEL MURO

SAMANTHA DE MARTIN

05/11/2019

A Modena gli scatti di Antonella Bozzini seguono la trasformazione dello spazio architettonico berlinese

La mostra fotografica “Linea nelle linee”, visitabile gratuitamente fino al 30 novembre alla Galleria Europa espone gli scatti di Antonella Bozzini, che rappresentano l’inizio di un progetto fotografico che segue la trasformazione dello spazio urbanistico-architettonico dell’area in cui sorgeva il Muro.
Seguendo un percorso ideale nel centro di Berlino, che inizia dalla Hauptbahnhof per concludersi a Postdamer Platz, circa tre chilometri a sud, le immagini ripercorrono il cambiamento del territorio urbano in un confine, la “linea”, che una volta era delimitata dal Muro.

fotografo adv, architettura, interni, milano

Latest News